Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/63


Crudelmente — m’hanno ferita
ed eschirnita — ed espogliata;
la mia potenza — veggio perita
perch’è’nfragidita; — la piaga endurata
or briga tagliare — e poi medecare:
32porraio sperare — che so en liberanza.
Ora m’aiuta — me liberare,
ch’io possa campare — dal falso Nemico:
fasse da lunga — a balestrare
ed assegnare — al cor ch’è pudico;
la man che me fere — non posso vedere:
38tal cose patere — me danno gravanza.
Gravame forte — lo balestrire
lo qual voi ferire — a l’alma polita:
fatto ha balestro — del mondo aversire,
lo qual en bellire — me mostra sua vita;
per gli occhi me mette — al core sagette,
44l’orecchie so aperte, — me recan turbanza.
Turbarne’l naso — che voi odorato,
la bocca assagiato — per dar conforto;
e lo pegiore — che per me sia stato,
lo qual m’ha guidato — ad un mal porto,
se be’ gliei do mangiare, — me fa calciare,
50de Tamesurare — si fa lamentanza.
c
Lamentase el tatto — e dice: Eo so oso
d’aver reposo — en mio delettare;
or lo m’hai tolto, — sarò rampognoso
e corroccioso — en mio vivitare;
s’allento lo frino — al corpo tapino,
56so preso a Toncino — de la tristanza.3