Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/60


XXVI

Como Cristo se eamenta dell’omo peccatore

Omo, de te me lamento, — che me vai pur fugendo
ed io te voglio salvare.
Omo, per te salvare — e per menarte a la via,
carne si volse pigliare — de la Vergene Maria:
ma non me ce vai cortesia, — tant’ è la sconoscenza
6 che ver’ de me voi mostrare.
Se io te fosse signore — crudele e molto villano,
averia tua scusa valore — che me fugisse de mano:
ma sempre voi esser ensano, — ché’l ben ch’io t’ho fatto
io non vole meditare.
Le creature ho create — che te degiano servire;
e corno sono ordenate — elle fon loro devere:
haine recevuto el piacere, — e de me che l’ho create
14non te voli recordare.
Como om ch’ama lo figlio — e quel è m^.1 enviato,
menacciagli e dá consiglio — che da mal sia mendato,
de lo ’nferno t’ho menacciato, — e gloria t’ho empromessa
18se a me te voi tornare.
Figlio, non gir pur fugenno! — tanto t’ho gito encalzanno,
che darte voglio el mio renno — e trarte fuor d’onne danno,
e vogliote remetter el banno — nel quale sei caduto,
22ché non hai donde el pagare.
Non gire piú fugendo, — o dulcissimo frate!
ché tanto t’ho gito cheendo, — che me ce manda el mio paté:
retorna en caritate, — ché tutta la corte t’aspetta
26che con noi te degi alegrare.
El mio paté si m’ha mandato — ch’ io a la sua corte t’armine;
e co stai si endurato — ch’a tanto amor non t’encline?
frate, or pone ornai fine — a questa tua sconoscenza,
30ché tanto m’ hai fatto penare!