Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/59


— Or co so adagiato de levarme em piede?
forsa chi ’l t’ode dir, mo lo se crede:
molto è pazo chi non provede
70en la sua vita la sua finitura. —
— Or chiama li parenti che te venga aiutare
e guarden dai vermi che te sto a devorare:
ma fuor piú vivacce a venirte a spogliare,
74partierse el poder e la sua mantatura. —
— No i posso chiamare, ché so encamato:
ma fálli venire a veder mio mercato!
che me veggia giacer colui eli’è adagiato
78a comparar terra e far gran chiusura. —
Or me contempla, o omo mondano:
mentre èi nel mondo, non esser pur vano;
pènsate, folle, che a mano a mano
82tu serai messo en grande strettura.