Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/49


commise lo peccato, — ben è ch’ io sia pagato;
ch’abbi tanta allegreza — de la stolla belleza.
70Ma non è maraveglia — s’io turbo mia fameglia;
maraviglia m’ho fatto, — pensando d’esto tratto,
co cane scortecato — non me gett’al fossato,
vedendome si orribele, — puzulente e spiacevole.
O gente che amate — en belleza delettate,
75venite a contemplare, — ché ve porrá giovare!
mirate en questo specchio — de me desfatto vechio:
fui si formoso e bello, — né citade né castello
chivei non ci armanea — ch’a me veder traea;
or so così desfatto — en tutto scontrafatto,
80onomo ha gran paura — vedendo mia figura;
vedete la belleza — che non ha stabeleza:
la mane el fior è nato, — che la sera el vei seccato.
O mondo enmondo, — che d’ogne ben m’hai mondo;
o mondo fallace — ad om ch’en te ha pace;
85o mondo barattiere, — bè glie costa el taoliere;
lo tempo m’hai sotratto, — nullo servasti patto:
col tuo mostrar de riso — perdut’ho’l paradiso.
Signor, misericordia! — fa’ meco tua concordia!
famme la perdonanza — de mia grave offensanza!
90rendome pentuto, — ché non fui aveduto:
per lo mondo aversire, — lassai lo tuo servire;
or lo vorria fare, — non me posso aiutare;
de la vergogna m’ardo — che m’avidi si tardo.