Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/48


— Compar, lo contamento — c’ hai fatto en parlamento,
mitigarne el dolore — ch’aio portato en core:
teneame lo piú afflitto — nel mondo derelitto,
35 e cento piú hai peio, — c’hai mal senza remeio;
ché passa onne malizia — ria femena en nequizia.
Non t’encresca contare, — ché me puoi resanare,
le parole dogliose — piú che venenose
che questa tua nuora dice, — che Dio la maledice! —
40 — Compar, puoi recordare, — si corno a me pare,
donzello en bel servire — ed ornato cavaliere,
bello e costumato; — or so cusi avilato
da una mercenaia — figlia de tavernaia.
Con la lengua demostra — che m’ ha vinto de giostra;
45 fatto ha cantuzio — de lo mio repuzio:
’ O casa tributata, — che Dio l’ha’bandonata!
lo vecchio desensato — en te si è anidato:
strovele, obprobrioso, — brutto, puteglioso,
con gli occhi reguardosi, — rosei e caccolosi;
50 palpetra reversate, — paiono ensanguenate;
lo naso sempre cola — corno acqua de mola;
conio porci sannati — gli denti son scalzati;
con quelle rosee gengie, — che paiono pur sanguie,
chi rider lo vedesse — a pena che non moresse,
55 con quello grado orribile — e la faccia terribile;
ma pur lo gran fetore — che della bocca esce fore,
a puza stermenata — la terra n’è’nfermata;
la sarocchiosa tossa, — chi lo vede contossa;
con lo sputo fetente — che conturba la gente;
60 ròina secca serrata — che pare encotecata;
corno lo can c’ha’l raspo, — le man mena co naspo;


lo vecchio delombato — conio arco piegato!
E molte altre parole — che’l mio cor dir non vole. —
— Compar, molto mi doglio — pensando el tuo cordoglio;
65 conio’l poi soffrire — tanta vergogna udire?
maraviglia è che’l core — non t’è crepato fore. —
— Compar, non te dolire — ché’l mal se de’punire-