Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/44


XXI

De quello che domanda perdonanza da poi la morte

— O Cristo pietoso, — perdona el mio peccato,
ch’a quella son menato — che non posso piú mucciare.
Giá non posso piú mucciare — ché la morte m’ha ’battuto:
tolto m’ha el solazzare — desto mondo ove son suto;
non ho potuto altro fare, — son denante a te venuto:
6 èlme oporto el tuo aiuto — ché ’l Nemico voline accusare. —
— Non è tempo aver pietanza — po’la morte del peccato;
fatta te fo recordanza — che tu fusse confessato;
non voleste aver leanza — en quel che te fo comandato:
io la iustizia ha’l principato — che te vole esaminare. —
Lo Nemico si ce vene — a questa entenzagione:
— O Signor, pregote bene — che m’entende a ragione:
che a questo omo s’avene — ch’io lo mene en pregione,
14 s’io provo la cagione — co el se de’condennare. —
El Signor, che è staterá, — responde a questo ditto:
— La prova, se ella è vera, — entenderolla a distritto:
ché onne bono omo spera — ch’io sia verace e dritto;
15 se hai il suo fatto scritto, — or ne di’ ciò che te pare. —
— Signore, tu l’hai creato — come fo tuo piacemento;
de grazie l’hai ornato, — désteli descernemento;
nulla cosa ha osservato — de lo tuo comandamento:
22 a cui fece el servemento, — lo ne deve meritare.
Ché molto ben sapea — quando tollea l’usura,
al povero si daéa — molto manca mesura;
ma ne la corte mea — li farò tal pagatura,
26 ch’el non senti ancura — de que i farò asagiare.
Quando altri li dicia: — Pènsate del finire! —
e quel se ne ridia, — che non credea morire;
cortese so a casa mia, — farollo ben servire:
30 poi ch’a mi volse venire, — non lo sappi arnunzare.