Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/41


— Se tu fuste crudo ad esser tenace,
de darte chevelle a noi non ne piace;
stanne securo e fanne carace!
de le tue pene non ne curam mai. —
— Io v’alevai con molto sudore,
e poi me dicete tal descianore!
Penso che voi verrite a quel ore
20che provarite che son li mei guai. —