Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/40


De l’omo che non satisfece in vita sua
DEL MAL ACQUISTATO
— Figli, nepoti e frati, — rendete el maltolletto
io quale io ve lassai.
Voi lo prometteste a lo patrino
de renderlo tutto e non venir mino;
ancor non me deste per l’alma un ferlino
4 de tanta moneta quant’ io guadagnai. —
— Se’l te prometemmo, or non te’l sapevi?
ben eri sagio che tu lo credevi!
se tu nel tuo fatto non provedevi,
attèndeti a noi che ’l farimo crai! —
— Io vi lassai el molto valore;
pochi presenti da voi ebbe ancore;
quando ce penso ha gran descionore,
8 ché m’ho abandonato quel che piú amai. —
— Se tu m’amasti, devevi vedere
a quegno porto devive venire;
de quel ch’acquistasti volem gaudere,
e non è verun che curi en tuo guai. —
— Io ve lassai le botte col vino,
lassavi li panni de lana e de lino;
posto m’avete nel canto mancino,
12 de tanta guadagna quant’io congregai. —
— Se tu congregasti tanta guadagna,
de darte covelle a noi non ne caglia;
figgete pace, se paté travaglia:
facesti tal fatti, captivo ne vai. —
— Io amesurai a sostenere
la terra la vigna per far lo podere;
or non potete niente volere
16 darme una fetta de quel ch’aquistai. —