Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/34


XV

Como l’anema retorna al corpo per andare al iudicio

— O corpo enfracedato, — io so l’anima dolente;
lièvate amantenente, — ché sei meco dannato.
L’agnolo sta a trombare — voce de gran paura:
opo n’è appresentare — senza nulla demura;
stavimi a predicare — che non avesse paura:
male te credette alora — quando feci el peccato. —
— Or se’ tu l’alma mia — cortese e conoscente!
Puoi che t’andasti via, — retornai a niente;
famme tal compagnia — che io non sia dolente:
veggio terribel gente — con volto esvaliato. —
— Queste son le demonia — con chi t’è opo abitare;
non t’ è opo far istoria: — que te oporá portare,
non me trovo en memoria — de poterlo narrare;
rijr se ententa fosse el mare — non ne siria pontato. —
— Non ce posso venire, — ché so en tanta afrantura
che sto su nel morire,- — sento la motte dura;
si facisti al partire: — rompesti omne iuntura,
iS recata hai tal fortura — che ogne osso ni’ ha spezato. —
— Como da tene a mene — fo apicciato amore,
semo reiunti in pene — con eterno sciamore;’
Possa contra le vene, — nervi contra iunture;
a* sciordenati onne umure — de lo primero stato. —
— Unquanco Galieno, — Avicenna, Ipocrate
non sapper lo conveno — de mei enfermetate;
tutte enseme íongono’ — e sòmmese adirate:

  • 6- sento tal tempestate — che non vorria esser nato. —

— Lièvate, maledetto, — ché non poi piú inorare;
ne la fronte n’è scritto — tutto el nostro peccare:
quel che nascusi a letto — volevamo operare,
oporasse /mostrare, — vegente’ orme 01110 nato. —