Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/32


XIV

Como li vizi descendono da la superbia

La superbia de l’altura — ha fatte tante figliole:
tutto’l mondo se ne dole — de lo mal che n’è scontrato.
La superbia appetisce — omne cosa aver soietta;
sopr’a par non voi niuno — e gli equal non gli deletta;
glie menor mette a la stretta, — ché non i pò far tanto onore
6 quanto gli apetisce el core — del volere sciordenato.
Aguardando a soi maiure, — una invidia c’è nata;
non la puote gettar fuore, — teme d’esser conculcata;
l’odio si l’ha ’mpreinata, — ensidie va preparando
io per farglie cader en bando, — ché del lor sia menovato.
Per poter segnoregiare — si fa giure ne la terra,
e le parte ce fa fare, — donde nasce molta guerra;
lo suo cor molto s’aferra — quel che pensa non pò avere,
14 l’ira si lo fa ensanire — corno cane arabbiato.
Puoi che l’ira è su montata — e nel cor ha signoria,
crudeltate è aparechiata — de star en sua compagnia:
de far grande occideria — non li par sufficienza,
18 tant’jè la malavoglienza — che nel cor ha semenato.
Puoi che l’ira non pò fare — tutto quanto el suo volere,
una accidia n’ è nata, — entra ’l core a possedere:
omne ben li fa spiacere, — posta è ’n estremo temore,
22 le merolle i secca en core — del tristor c’ha albergato.
L’accidia molto pensosa — va pensando omne viagio;
se l’aver ce fosse en alto, — empieriase el tuo coragio:
l’avarizia che al passagio — entra a posseder la corte,
26 destregnenza si fa forte — ad ogne uscio far serrato.
Ha sospetta la fameglia — che non i vada el suo furando:
moglie, figli, nuore e servi — tutti si va tribulando;
or vedessi mal optando — che fa tutta la famiglia!
30 ciascun morte gli asimiglia — d’esto demone encarnato.