Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/273


umbreggianti di tutte le altre. Quanto alle tre poesie citate dal Brugnoli, che non si trovano se non nei codici umbri, si potrebbe osservare che anche su quella che incomincia O me lasso, dolente l’editore fiorentino non ha mancato di esprimere qualche dubbio. L’avvertenza alla lauda xcvi dice infatti: «Questa lauda seguente era pur nel dicto libro antiquo [nel Perugino del 1336] et ancora in alcuni todini, benché paia assai bassa corno la xx in ordine, che incomenza ’Oimè, lasso dolente’» (»). Ma siano o no queste ultime rime da attribuire sicuramente a Iacopone, il fatto che solo di alcune poche poesie della raccolta bonaccorsiana si possa dubitare, e che il dubbio non sia condi- viso da tutti gli studiosi, dimostra che l’edizione principe merita la maggiore fiducia in fatto di attribuzioni. Ed alla autoritá della Principe il Brugnoli stesso giustamente fa appello (2) a proposito della tanto discussa autenticitá della satira O papa Bonifazio, — moit’hai iocato al mondo [lviii]. Questa poesia, che fa parte di un gruppo abbastanza numeroso di satire contro i falsi prelati e contro colui che nella mente del fiero assertore della rigida regola francescana appariva come Lucifero novello — a sedere en papato, ebbe molta fortuna nel secolo xiv. Nell’ambiente religioso e po- litico non erano ancora spenti gli echi della feroce lotta com- battutasi tra il papa e la parte ghibellina, sostenuta dal re di Francia; in quella satira o, meglio, in quella invettiva Iacopone si fa interprete di tutti i risentimenti provocati dal Caetani e con inaudita violenza di linguaggio, che ha sgomentato i suoi troppo ortodossi commentatori, investe il papa, accusandolo di simonia, di nepotismo, di aviditá verso i soggetti, di sete indomabile di potere, e gli predice l’ultima mina. I famosi versi profetici: subito hai ruina, — sei preso en tua magione, e nullo se trovòne — a poterte guarire. (1) Vedi p. 234. (2) Op. cit., p. cxlvi sgg. E vedi anche D’Ancona, op. cit., S4, 11. 2, ove si confuta l’opinione di A. Tiínneroni.