Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/260


Receverai el merito, secondo
el mal e ’l ben che tu avrai commesso;
el tuo volere non sia vagabondo,
ma con fermeza t’accosta con esso:
mira el suo lato ritto per te fesso,
26 e de quel sangue te ’nebriarai.
Inebriata per amor, lo stringi
in tal maniera che giamai noi lassi,
e nel tuo core sua figura pingi,
che privará de te li umani passi:
per la sua morte spezará li sassi,
32 per essa tua dureza spezarai.