Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/257


Conforta el mio cor che per te languesce,
che senza te non vole altro conforto:
se ’l lassi piú degiuno, deliquesce,
ché ’l cor che tu non pasci vive morto;
se ’l tuo amore assaggia, revi vesce:
or n’aiuta, Cristo, in questo porto,
177tu che sei sopra ogni altro aiutatore.
Aiutami, amor, ch’io non perisca;
amor dolce, per amor t’adomando:
pregoti che ’l tuo amor non mi fallisca;
recevi i gran sospiri ch’io te mando:
ma se tu voli ch’io per te languisca,
piacerne, ch’io vo’morire amando
184per lo tuo amore, dolce Redentore.
O Redentore, questo è ’l mio volere:
d’amarte e de servir quanto io potesse;
o dolce Cristo, deggiati piacere
che ’l mio core del tuo amor si empiesse:
quella ora, buou Iesu, mi fa vedere
ch’io te solo nel mio core tenesse
191e tu me fussi cibo e pascitore.
Pascime de pane celestiale,
e famme ogni altra cosa infastidire;
cibo de vita sempre eternale,
chi ben t’ama, mai non può perire:
famme questo gran dono speziale
che te, dolce amor, possa sentire
198per pietate largo donatore.
Donarne de te, dolcissimo, assaggiare;
per te, sopr’onne cibo delicato,
voglio de tutto degiunare:
chi ben t’assagia, la lengua e ’l palato
tutto latte e mele li fai stillare,
e d’onne altro amore el fai levato
205e renovar la mente en tuo fervore.