Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/247


— Non posso piú soffrire — li tuoi dolci lamenti,
gli amorosi languire — che tu fai spessamente;
or briga de venire, — lieva in alto la mente:
30farrotte esser gaudente — del dolce Iesú mio. —
— Or te diletta, sposa, — de me quanto tu voli,
ché ben sei gloriosa, — tanto d’amor tu oli!
Non esser vergognosa, — non c’è perché te duoli:
34trovato hai quel che voli, — cioè el dolce amor mio.