Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/243


XCVII

Amaestramento al peccatore
che se vole reconciliare con dlo (0

O peccator dolente, — che a Dio vuol retornare,
questa lauda t’ensegna — quello che déi’fare.
Tu dèi esser pentuto — de tutto el tuo peccato,
e déilo confessare — col core umiliato:
e far la penitenza — si corno t’è comandato,
6e, poi che l’hai lassato, — noi dèi mai repigliare.
Tu dèi ben perdonare — a chi t’ha fatto offensanza,
col core e con la bocca, — senza niuna fallanza;
e se tu hai altri offeso, — dèi cheder perdonanza,
acciò che Iesu Cristo — ti degga perdonare. io
Se tu hai de l’altrui, — rendelo interamente
quanto puoi piú cetto, — non lo ’nduciar niente;
e non ti confidare — né in figlio né in parente,
14perché hanno costumanza — del troppo retardare.
Tu dèi recessare — onne ria compagnia,
per ciò che fa cadere — molto cetto in follia;
e costumar con buoni — che ti don buona via,
18per la qual tu possi — l’alma tua salvare.
La bocca dèi aver chiusa — e la lengua affrenata:
e non li trar lo freno, — se non poche fiata;
e sempre sie soilicito — tenerla ben guardata,
22per ciò che ha costumanza — de molto morsecare.
Chi la sua bocca ha aperta, — e la lengua tagliente,
molto legiermente — deventa maldicente:
ed onne ben che fai — poco ti vale o niente,
26ché la tua mala lengua — tutto tei fa furare.
(i) Queste cinque laude proxime sequente erano nel libro todino in fine. [Nota
del Bonaccorsi.]