Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/241


— Figliuol, non avesti cagione — per la qual tu m’èi fugito:
ché so stato tuo servidore, — io te ho calciato e vestito;
or t’èi arragnato con meco — e par che me vogli lassare.
Figliuol, pur non me lassare: — paradiso averai en tua
[bailia,
lá ove è dolce posare — né lite ce trovi né briga;
29e priegane santa Maria — che te ce deggia menare.
Gran maraviglia me done — corno T hai tanto tardato;
ma saccio c’ hai freddo el core — e dentro sei tutto ghiacciato:
ca l’amor non t’ ha rescaldato, — ch’el non ci hai lassato entrare.
Lassa entrar lo mio amore: — aguardame ritto, figliuolo;
degli anni ben trenta e doi — bussai per farte gran dono:
35or par che vogli gir nudo — e veste non vói portare.
Or veni, entra a le nozze, — ch’onne cosa è apparechiato;
io mò t’apro le porte, — sederai longhesso’l mio lato:
l’occhi e la bocca e lo naso, — io si te voglio basciare.
Como non te mette gola — questo ch’ io t’ ho proferito?
Or viene e non far dimora, — credi quel ch’io te dico:
41veni a veder lo convito, — quanto è dolce e soave. —
— Or non me venir piú dentorno, — ch’io non ce voglio
[venire:
stare me voglio col monno, — alegrar ed averme bene;
da poi ch’ io vengo a morire, — allora me mena a posare. —
— Figlio, non è tèsta la via, — se tu voi campar da lo ’nferno;
ch’ io durai si gran fatiga, — morte, ruina e flagello:
47per farte venir al mio renno, — en croce me fece chiavare. —
— Meser, ben è tèsto vero — che tu fusti morto per mene;
la carne non me dá pace, — combatterne la notte e lo dine:
ma quando a te voglio venire, — non me lo lassa pensare. —
— Or non gli credere, figlio, — ca è nemica de Dio:
ché Adam ne gi nello ’nferno, — però che ala carne asscntio;
53pena e dolor ce patio, — però che poi lei volse andare. —

Ben me ne piglia cordoglio, — amor, tanto m’hai barga-
[gnato;
portasti la croce su en collo — ed en essa ce fusti ferrato:
ed io T ho dementecato — e non ci ho potuto badare. —