Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/240


XCVI

Excusazione che fa el peccatore a Dio de non poter far
la penitenzia a la quale da lui è confortato <r)

— Troppo m’è grande fatica, — Meser, de venirte drieto:
ca ’l mondo è gionto con meco, — voglio a lui satisfare. —
— Se vuol satisfare al monno, — figliolo, andarai a lo ’nferno,
e senza niuno cordoglio — ferito serai de coltello,
5 e pisto serai de martello, — che mai men non te verrane. —
— Non posso far penitenza: — mangiar una volta la dia,
iacer con la tonica centa — mai non lo sofferma;
emprima me departo da tia, — che questo possa durare. —
— Figliuol, se da me te parte, — en eterno non seria lieto:
d’ogne ben perdi la parte — e d’ogne mal serai repleto;
ii lá ove so strida, puza e gran fleto — anderai ad estare. —
— Begl me porest predecare — che gli tuoi fatti me mettan
[gola:
bever voglio e mangiare — mentrunque la vita me dura,
ché l’alma non gira sola — lá unque la vogli tu mandare. —
— Dimme perché non hai gola — de questo ch’ io te promitto;
parla e non far demora, — ch’io t’amonisco a diritto:
17aggiote tratto d’Egipto, — pare che ce vogli tornare.
Quaranta di degiunai — e stetti per te carcerato:
ben lo potesti emparare, — tanto te fo predecato;
ma, se me te parti da lato, — so che dannato serai. —
Se vói ch’io te dica el vero, — questo non m’è piacemento:
la carne fresca e ’l bon vino — vorria manecar onne tempo,
2.3 ma troppo m’è gran tormento — quando me fai degiunare. —
(i) Questa lauda sequente era pur nel dicto libro antiquo ed ancora in alcuni
todini, benché paia assai bassa conio la XX in ordine, che incotnenza: «Oimè, lasso
dolente». [Nota del Bonaccorsi.]