Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/237


XCIV

Como l’onore e la vergogna contendono insieme

Udite una entenzone — ch’è fra Onore e Vergogna:
qual è piú dura pogna — ad om virtuoso passare.
La Virtute, forteza armata, — tolle la sua schiera,
e la Vergogna gli è contra — con la sua dura maniera;
nella prima frontiera — Vergogna fa dura bataglia:
6l’altra e poi zanzavaglia, — ché nulla cosa può fare.
Forteza, da poi ch’entra — ad la Vergogna patire,
ella va vigorando — e la Vergogna avilire;
non gli può enante fugire, — lá unqua la trova l’abatte:
l’ascempio de Cristo combatte — che volse vergogna portare. io
Tanto è ’l gaudio che porta — chi va per la via del Signore,
che onne vergogna si abatte — e nullo gli ha’nante valore:
’nante ’l se reputa onore — poter vergogna suffrire,
14ché séquita il dolce suo sire — che volse ’n vergogna fmare.
La temperanza s’acconcia, — armata d’umilitate:
l’Onore armato sta contra, — affolto con sua dignitate;
battaglie ce son smesurate: — vencendol, s’envigoresce;
18sempre piú forte ci aresce, — quando ’l te credi finare.
De l’onor c’hai conculcato — nasce piú forte onore;
se om terreno noi vede, — battaglie t’en porti nel core:
poi che per li signi de fore — odi che se’ santo chiamato,
22tu, Satanas encarnato, — odi de te tal parlare.
Tutta la vita tua en pianto — parme che sia reputato,
vedendo ’l Signor en vergogna — ed io so d’onore amantato;
o cor mio tribulato, — l’arra porto d’enferno:
26vivo nel mio dispiacenno — e campo per tal predare.
Vergogna è ’l nimico palese, — puoite da longa coprire;
l’Onor è el nimico de ciambra, — non li può’ enante fugire:
parme piú forte ad transire — onore en profonda umilitate,
30che non è soffrir mia vilitate — en forteza abracciata de core.