Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/230


Como per la ferma fede e speranza se perviene
A TRIPLICE STATO DE NICHILITÀ
La fede e la speranza — m’on fatta sbandigione,
2 dato m’on calci al core, — fatto m’on anichilare.
Anichilato so dentro e de fuore
en ciò che se può dire:
cotal si me dá frutto, ch’era amore,
en vita stabilire;
non posso piú fugire né cacciare,
ché l’amore m’ha folto:
9 si so convento, non posso parlare.
Parlando taccio, grido fortemente:
sacciol ove è atto,
ch’ io non lo veggio e sempre sta presente
en onne creatura trasformato;
da Tesser a lo none — ho fatta l’unione
15 e per affetto el si e ’l no mozzare.
Mozzato da lui tutto
e nulla perde e nulla pò volere;
onne possedè e de nulla è corrutto,
però ch’elio n’è mozzo onne appetere:
Tessere e possedere — lo nichilo tutto,
21 quel è condutto che me fa vilare.
Vilisco onne cosa
ed onne cosa opo t’è possedere:
chi è cosa d’onne cosa,
nulla cosa mai non può volere;
questo è lo primo stato — de Tomo anichilato
27 che ha abnegato tutto suo volere.