Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/228


Alta nichilitate, — tuo atto è tanto forte,
che apre tutte le porte, — entra nello ’nfinito.
Tua è la veritate: — e nulla teme morte,
dirize cose torte, — oscuro fai chiarito.
176 Tanto fai core unito — en divina amistanza,
non c’ è dissimiglianza — de contradir chi ha amore.
Tanta è tua sutiglieza, — che onne cosa si passi,
e sotto te si lassi — defetto remanere.
Con tanta legereza — a la veritate passi,
che giá non te rabassi — po’ te colpa vedere.
Sempre tu fai gaudere, — tanto se’ concordata:
182 e, veritá portata, — nullo senti dolore.
Piacere e dispiacere — fuor da te l’hai gettato:
en Dio se’ collocato, — piacer ciò che gli piace.
Volere e non volere — en te si è anegato,
desiderio remortato: — però hai sempre pace.
Questa è tal fornace — che purga e non incende,
188 a la qual non se defende — né freddo né calore.
Merito non procacci, — ma merito sempre trovi,
lume con doni nuovi — gli quali non ademandi.
Se prendi, tanto abracci — che non te ne removi
e gioie sempre trovi, — ove tutta despandi.
Tu curri, se non andi, — sali, co piú descendi,
194 quanto piú dái, si prendi: — possedi el Creatore.
Possedi posseduta: — en tanta unione
non c’ è divisione — che te da lui retragga.
Tu bevi e se’ bevuta — en trasformazione:
da tal perfezione — non è chi te distragga.
Onde sua man contragga, — non volendo piú dare,
200 giá non si può trovare: — tu se’ donna e signore.
Tu hai passata morte, — se’ posta en vera vita,
né non temi ferita — né cosa che t’offenda.
Nulla cosa t’è forte, — da te po’ t’èi partita:
en Dio stai enfinita, — non è chi te contenda.
Giá non è chi t’entenda, — veggia co se’ formata.
206 se non chi t’ha levata — ed è de te fattore.