Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/220


sete d’amor ha ’vuto: — ché gli sirá donato
210 amore sinesurato, — qual pasce con dolzore. —
Tu, sapienzia, non te contenesti
che l’amor tuo spesso non versasse:
d’amor non de carne tua nascesti,
umanato amor che ne salvasse;
per abracciarne en croce tu salesti:
e credo che perciò tu non parlasse,
né te amor scusasse — davanti da Pilato,
218 per compier tal mercato — en croce de l’amore.
La sapienza, veggio, se celava:
solo l’amore se potea vedere;
e la potenza giá non se mostrava,
ché era la virtute en dispiacere:
grande era quel amor che se versava,
altro che amor non potendo avere,
né l’uso nel volere, — amor sempre legando
226 en croce ed abracciando — l’omo con tanto amore.
Donqua, Iesú, s’io so si enamorato,
enebriato per si gran dolceza,
ché me reprendi s’io vo empazato
ed onne senno perdo con forteza?
Poi che l’amore te si ha legato,
quasi privato d’ogne tua grandeza,
co seria mai forteza — en me di contradire,
234 ch’io non voglia empazire — per abracciarte, amore?
Ché quel amore che me fa empazire
a te par che tollesse sapienza,
e quel amor che si me fa languire,
a te per me si tolse la potenza;
non voglio ormai né posso sofferire:
d’amor so preso, non faccio retenza;
daramme la sentenza — che io d’amor sia morto:
242 giá non voglio conforto — se non morire, amore.
Amore, amore che si m’ hai ferito,
altro che amore non posso gridare;