Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/22


Se è femena pallida — secondo sua natura,
arosciase la misera — non so con que tentura;
se è bruna, embiancase — con far sua lavatura:
34 mostrando sua pentura, — molt’aneme ha dannate.
Mostrerá la misera — ch’aggia gran trecce avolte;
la sua testa adornase — co fossen trecce acolte,
o de tomento fracedo, — o’ so pecciòle molte:
38 così le gente stolte — da lor son engannate.
Per temporal avènesse — che l’om la veda sciolta
vedi che fa la démona — colla sua capovolta!
le trez’altrui componese — non so con que girvolta;
42 farattece una colta — che paion en capo nate.
Que fará la misera — per aver polito volto?
porrásece lo scortico — che’l coio vecchio n’ha tolto;
remette’l coio morbedo, — parrá citella molto:
46 si engannan Pomo stolto — con lor falsificate.
Poi che a la femina — cglie la figlia nata,
co la natura formala, — pare una sturciata:
tanto Io naso tiraglie, — strengendo a la fiata,
50 che l’ha si reparata — che porrá far brigate.
Son molte che per omene — non fon nullo aconciato,
delettanse fra l’altre — aver grand’apparato;
non ce pense, misera, — che per van delettato
54 lo cor s’è vulnerato — de molte enfermetate?
Non hai potenza, femina, — de poter preliare:
ciò che non puoi con mano, — la lengua lasse fare;
non hai lengua a Centura — de saperle gettare
58 parole d’adolorare — che passan le corate.
Non giacerá a dormire — quella che hai ferita:
tal te dará percossa — che no ne sirai lita;
d’alcun te dará ’nfamia — che ne sirai schernita;
62 menarai poi tu vita — con molte tempestate.
Sospicará maritota — che non sie de lui prena:
tal glie verrá tristizia, — che gli secará omne vena;
acoglieratte en camora — che noi senta vicena:
66 qual ce trarai mena — de morte angustiata!
i