Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/216


s’io potesse envenire — alma che m’entendesse
66 e de me cordoglio avesse, — ché se strugge lo core!
Ché cielo e terra grida e sempre chiama,
e tutte cose ch’io si deggia amare;
ciascuna dice con tutto cuor: — Ama
l’amor c’ha fatto briga d’abracciare:
ché quello amore, però che te abrama,
tutti noi ha fatti per ad sé trare;
veggio tanto arversare — bontade e cortesia
74 de quella luce pia, — che se spande de fuore. —
Amare voglio piú, se piú potesse:
ma, co piú ami, lo cor giá non trova;
piú che me dare con ciò cche volesse
non posso: questo è certo senza prova;
tutto l’ho dato perché possedesse
quel amador che tanto me renova:
belleza antiqua e nova, — da poi che t’ho trovata,
82 o luce smesurata — de si dolce splendore!
Vedendo tal belleza, si so tratto
de for de me, non so dove portato;
lo cor se strugge conio cera sfatto:
de Cristo se retrova figurato;
giá non si trova mai si gran baratto:
vestirse Cristo, tutto sé spogliato;
lo cor si trasformato — amor grida che sente:
90 anegace la mente, — tanto sente dolzore!
Ligata si la mente con dolceza,
tutta se destende ad abracciare;
e, quanto piú reguarda la belleza
de Cristo, fuor de sé piú fa gettare
en Cristo tutta possa con riccheza:
de sé memoria nulla può’ servare,
ormai a sé piú dare — voglia nulla né cura,
98 né può perder valura — de sé onne sentore.
En Cristo trasformata, quasi è Cristo:
con Dio gionta tutta sta divina;