Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/215


se tutto fosse mio quel ch’è creato,
danaio per amor senza onne patto:
e trovome d’amor quasi engannato,
ché, tutto dato, non so dove so tratto;
per amor so desfatto, — pazo si so tenuto,
34ma, perché so venduto, — de me non ho valore.
Credeame la gente revocare,
amici che me fuoro, d’esta via:
ma chi è dato piú non se può dare,
né servo far che fugga signoria;
prima la pietra porriase amollare
ch’amor che me tien en sua bailia:
tutta la voglia mia — d’amor si è enfocata,
42unita, trasformata: — chi tollera l’amore?
Fuoco né ferro non li può partire:
non se divide cosa tanto unita;
pena né morte giá non può salire
a quella alteza dove sta rapita:
sotto sé vede tutte cose gire
ed essa sopra tutte sta gradita;
alma, co se’ salita — a posseder tal bene?
50Cristo, da cui te vene, — abraccial con dolzore.
Giá non posso vedere creatura:
al Creatore grida tutta mente;
cielo né terra non me dá dolzura:
per Cristo amore tutto m’è fetente;
luce de sole si me pare oscura,
vedendo quella faccia resplendente:
cherubin son niente, — belli per ensegnare,
serafin per amare, — chi vede lo Signore. 5S
Nullo donqua ormai piú me reprenda
se tale amore me fa pazo gire:
giá non è core che piú se defenda
d’amor si preso che possa fugire;
pensi ciascuno co el cor non se fenda,
cotal fornace co possa patire;