Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/21


De l’ornamento delle donne dannoso
O femene, guardate — a le mortai ferute;
nelle vostre vedute — el basalisco mostrate.
El basilisco serpente — occide om col vedire:
lo viso en venenato — si fa el corpo morire;
pegio lo vostro aspetto — fa l’anime perire
6da Cristo, dolce sire, — che care l’ha comparate.
Lo basilisco ascondese, — non se va demostranno;
non vedendo, iacese — e non fa ad alcun danno;
peggio che’l basalisco — col vostro deportanno,
l’anime vulneranno — colle false sguardate. io
Co non pensate, femene, — col vostro portamento
quant’anem’a sto secolo — mandate a perdimento?
solo col desiderio, — senz’altro toccamento,
14pur che gli èi en talento, — a l’aneme macellate.
Non ve pensate, femene, — co gran preda tollite,
a Cristo, dolce amore, — mortai dáite ferite?
serve del diavolo, — sollecete i servite;
18colle vostre schirmite — molt’anime i mandate.
Dice che acóncete, — ché piace al tuo signore;
ma lo pensier engannate, — ché nogl se’ en amore;
s’alcun stolto aguardate, — sospezion ha en core
22che contra lo su onore — facce mali trattate.
Lagna poi e fèrite — e tiente en gelosia,
vuol saper li luocora — e quegn’ hai compagnia;
porrate poi l’ensidie, — si t’ha sospetta e ria;
26non giova diceria — che facce en tuoi scusate.
Or vede che fai, femena, — co te sai contrafare!
la tua persona piccola — co la sai dimostrare!
sotto li piede méttete — ch’una gigante pare,
30puoi con lo strascinare — cuopre le suvarate.