Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/206


65 se ensemora non gli tien, la conquide
deguasta l’arbor tutta conquassata;
se ensemora l’abracci, si te ride,
abitate nella buona contrata,
e campate dal loco o’ s’allide
70 quilli che la tengono viliata.
Lo stipite, ch’en alto se depone,
parerne l’altissima speranza:
divide da la terra tua magione,
conducetela en ciel la vicinanza;
75 se loco ce demori onne stagione
gaudio ce trovi en abundanza:
cerchi la citade per regione,
cantasi lo canto de alegran za;
parete lo mondo una pregione,
80 videlo pieno de grande fallanza.
Lá ’ve gli rami hanno nascimento
parerne che sia la caritate;
la prima ierarchia è ’l comenzamento,
tre rami ce trovi en unitate:
85 destenguese per bello ordenamento
ciascuna en sua proprietate;
grande trovi en loro comenzamento,
pensando nella loro varietate:
l’uno senza l’altro è sviamento
90 e non verria a compita veritata.
Lo primo ramo d’esto encoinenzare,
lo qual al primo orden se figura,
angeli si audimo nominare,
si come n’amaestra la Scrittura;
95 angelo se vole enterpretare
messo nobilissimo en natura,
messo che ne l’alma pòi trovare:
paiome gli pensier senza fallura;
lo Spirito santo halli ad inspirare,
ioo che nullo gli pò aver per sua fattura.