Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/201


Lo pensar de te, amore, — fa enebriar lo core:
29vuol fugir onne rumore — per poterte contemplare.
Contemplando te, solazo, — pargli tutto ’l mondo laccio:
regemento fa de pazo — a chi non sa el suo affare.
Tu se’ amor de cortesia, — en te non è villania:
33dámmete, amor, vita mia, — non me far tanto aspettare.