Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/197


LXXXIV

Como è somma sapienzia essere reputato pazo
per l’amor de Cristo

Senno me pare e cortesia — empazir per lo bel Messia.
Elio me sa si gran sapere — a chi per Dio voi empazire,
en Parige non se vidde — ancor si gran filosofia.
Chi per Cristo va empazato, — par afflitto e tribulato:
5ma è maestro conventato — en natura e teologia.
Chi per Cristo ne va pazo, — a la gente si par matto;
chi non ha provato el fatto, — pare che sia fuor de la via.
Chi voi entrare en questa scola, — troverá dottrina nova:
9la pazia, chi non la prova, — giá non sa que ben se sia.
Chi voi entrar en questa danza, — trova amor d’esmesuranza:
cento di de perdonanza — a chi li dice villania.
Ma chi va cercando onore, — non è degno del suo amore,
13ché Iesu fra doi latrone — en mezo la croce staia.
Ma chi cerca per vergogna, — ben me par che cetto iogna:
iá non vada piú a Bologna — a’mparar altra mastria.