Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/194


LXXXII

Como l’anima trova Dio in tutte creature
per mezo de sensi

O amor, divino amore, — perché m’hai assediato?
pare de me empazato, — non puoi de me posare.
Da cinque parte veggio — che m’ hai assediato:
audito, viso, gusto, — tatto ed odorato;
5 se esco, so pigliato, — non me te pos’occultare.
Se io esco per lo viso, — ciò che veggio è amore:
en onne forma èi pento, — ed en onne colore;
represèntime allore — ch’io te deggia albergare.
Se esco per la porta — per posarme en audire,
lo sono e que significa? — representa te, sire:
i r per essa non può uscire, — ciò cche odo è amare.
Se esco per lo gusto, — onne sapor te clama:
— Amor, divino amore, — amor pieno de brama,
amor, preso m’ hai a l’ama — per potere en me regnare.
Se esco per la porta — che se chiama odorato,
en onne creatura — te ce trovo formato:
17 retorno vulnerato, — prendime a l’odorare.
Se esco per la porta — che se chiama lo tatto,
en onne creatura — te ce trovo retratto.
Amor, e co so matto — de volerte mucciare?
Amor, io vo fugendo — de non darte el mio core:
veggio che me trasformi — e faime essere amore,
23 si ch’ io non son allore — e non me posso artrovare.
S’io veggio ad omo male — o defetto o tentato,
trasformome entro en lui — e face’l mio cor penato:
amore smesurato, — e chi hai preso ad amare?
Prenderne a Cristo morto, — traime de mare al lito:
loco me fai penare — vedendol si ferito.
29 Perché l’hai sofferito? — per volerme sanare.