Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/193


Non è condizione — che vada per ragione,
che passi la stagione — ch’amor non sia clamato. —
Clama la lengua e’l core: — Amore, amore, amore!
69chi tace el tuo dolzore — lo cor li sia crepato.
E ben credo che crepasse — lo cor che t’assagiasse:
se amor non clamasse, — trovárese afogato. —