Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/188


Divide da la terra mia speranza,
conducelame en ciel la vicinanza:
famme citadin per longa usanza
32 de la gran citade.
Loco si son le cose ordinate,
la scola se cce tien de caritate:
tutte le gente de quelle contrate
36 ciascuno en amore è con ventato.
Distinguese l’amore en terzo stato:
bono, meglio, sommo sublimato;
lo sommo si vole essere amato
40 senza compagnia.
Parlar de tale amor faccio follia,
diota me conosco en teologia:
l’amor me constregne en sua pazia
44 e famme bannire.
Prorompe l’abundanza en voler dire:
modo non gli trovo a proferire;
la veritá m’empone lo tacere,
48 ché non lo so fare.
L’abundanza non se pò occultare:
loco si se forma el iubilare:
prorompe en canto che è sibilare,
52 che vidde Elia.
Partámone ormai da questa via
a le doi distinzion che so empria,
e logo si figam la diceria
56 che si convene.
Sempre lo meglio sta sopra lo bene:
se tu non ami el prossimo co tene
e te non ami corno si con vene,
60 tu, cieco, el cieco meni a tralipare.
Emprima t’è opo con Dio ordinare
e da lui prender regola d’amare:
amor saggio e forte en adurare
e mai non smaglia.