Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/18


VI

De la guarda de sentimenti

Guarda che non caggi, amico,
guarda!
Or te guarda dal Nemico, — che se mostra esser amico;
4 no gli credere a l’iniquo, — guarda!
Guarda’l viso dal veduto, — ca’l coragio n’è feruto
ch’a gran briga n’è guaruto, — guarda!
Non udir le vanetate, — che te traga a su’ amistate:
8 piú che visco apicciarate, — guarda!
Pon’ al tuo gusto un frino, — ca ’l soperchio gli è venino;
a lussuria è sentino, — guarda!
Guardate da l’odorato, — lo qual ène sciordenato:
12 ca’l Signor lo t’ha vetato, — guarda!
Guardate dal toccamento, — lo qual a Dio è spiaceinento,
al tuo corpo è strugimento, — guarda!
Guardate da li parente — che non te piglien la mente:
16 ca te faran star dolente, — guarda!
Guardate da molti amice, — che frequentan co formice;
en Dio te seccan le radice, — guarda!
Guardate dai mal pensiere, — che la mente fon ferire,
20 la tua alma enmalsanire, — guarda!
i