Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/179


LXXV

De la diversitá de contemplazione de croce

— Fuggo la croce che me devora,
la sua calura^non posso portare^"
Non posso portare si grande calore
che non getta trovo la loco, croce: o ca (L fuggendo porto nel vo core amore;
la remembranza^me fa consumare. —
— Frate, co^fuggi la sua delettanza?
parine io vo ^che chirendo^la facci grande sua amistanza; vilanza °!
de gir fugendo lo suo delettare. — K)
— Frate, io fuggo, ché io son ferito:
venuto m’è’l colpo, e’l cor m’ha partito;’/^
non par che senti de quel c’ho sentito,
però non par che ne sacci parlare. —
— Frate, io si trovo la croce fiorita,
de soi pensieri me sono vestita;
non ce, 13 trovai ancora ferita,
18’nante m’è gioia lo suo delettare. —,
— Ed io la tro^o piena de sagitte
ch’escon del lato; nel cor me son fitte:
el balestrier en ver me l’ha diritte,
on arme ch’aggio me fa perforare// —
— Io ero cieco ed or veggio luce:
questo m’avenne per sguardo de cruce;
ella e senza me guida, lei son ché en tormentare. gaio m’aducj^, 2^r’
— E me la luce si m’ha acecato:
tanto lustrore de lei me fo dato,
che me fa gire co^/abacinato,
c’ha li bel occhi e non potè mirare. —