Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/178


La Bontade n’ha cordoglio — ’de l’Affetto tribulato,
poneglie una nova mensa, — ché ha tanto degiunato;
lo’ntelletto è admirato, — l’Affetto entra l’ha tenuta:
66 la lor lite si è finuta — per questo ponto passare.
Lo ’ntelletto si è menato — a lo gusto del sapore:
l’Affetto trita coi denti — ed inghiotte con fervore,
poi lo coce co l’amore, — tráine ’l frutto del paidato,
70 ed ai membri ha dispensato — donde vita possan trare