Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/175


O Signor mio senza terra, — casa, letto, massaria,
lo pensier molto m’afferra, — ché so errato de tua via:
grande faccio villania — a non volerte sequitare.
Or renunza, o alma mia, — ad onne consolazione;
el penar gaudio te sia — vergogna ed onne afflizione;
35e questa sia la tua stazone: — de morir en tormentare.
O gran prezo senza lengua, — viso, audito, senza cuore,
esmesuranza en te regna, — hai anegato onne valore:
lo’ntelletto sta de fore — o’l’amore sta a pascuare.
Poi che lo ’ntelletto è preso — da la grande sinesuranza,
l’amor vola a desteso, — va montando en desianza:
41abracciando l’abundanza, — l’amiranza el fa pigliare.
L’amiranza li mette el freno — a l’amor empetuuso:
en reverenzia fasse meno, — non presume d’andar suso;
lo voler de Dio gli è ’nfuso — che ’l suo voler fa nichilare.
Poi che l’omo è anichilato, — nasce l’occhio da vedere,
questo prezo esmesurato, — poi l’acomenza sentire:
47nulla lengua lo sa dire — quel che sento en quello stare.