Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/162


LXVIII

Como l’anima piange la partita del suo amore

Piangi, dolente anima predata,
che stai vedovata de Cristo amore.
Piangi, dolente, e getta suspiri,
ché t’hai perduto el dolce tuo sire:
forsa per pianto ino ’l fai revenire
a lo sconsolato tristo mio core.
— Io voglio piangere, che m’agio anvito,
ché m’ho perduto paté e marito;
Cristo piacente, giglio fiorito,
èsse partito per mio fallore.
O Iesú Cristo, ed o’m’hai lassata
enfra nemici cusi sconsolata?
ònme assalita le molte peccata:
de resistenzia non aggio valore.
O Iesú Cristo, co ’l puoi soft’erire
de si amara morte farme morire?
Damme licenzia de me ferire,
ché mo m’occido con gran desiore.
O Iesú Cristo, avessi altra morte
che me donassi che fosse piú forte!
Sèmmeti tolto, serrato hai le porte,
non par che c’entri a te mio clamore.
O cor tapino, e que t’ha emprenato,
che t’ha el dolor cusi circondato?
recerca de for, ché ’l vaso è acolmato:
non hai dannagio da non far clamore.
O occhi miei, e corno finati
de pianger tanto che’l lume perdati?
Perduto avete la gran redetate
de resguardare al polito splendore.