Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/158


Signor, io vo cercando — la tua nativitate,
e mettome a vedere — le tue penalitate:
non ci ho suavitate, — ché l’amor è rafreddato.
Vedendo el mio cordoglio, — si me se move pianto,
ma è un pianto sciucco — che vien da cor affranto:
35 ed ov’è’l dolzor tanto — che me s’è si encarato?