Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/157


LXVI

Pianto che fa l’anima per la occultazione de la grazia

Or chi averá cordoglio? — vorriane alcun trovare,
che vorria mostrare — dolor esmesurato.
Vorria trovar alcuno — che avesse pietanza
de lo mio cor afflitto, — pieno di tribulanza;
5o Dio de dirittanza, — come me se’ indurato!
Veggio che iustamente — haime de te punito:
mostrato m’hai el defetto — perch’èi da me fugito;
iustizia m’ha ferito — ed hamme de te privato.
Non trovo pietanza — che m’armenava a corte;
qual è lo serrime — che m’ha chiuse le porte?
la’ngratituden forte — tiemme l’uscio serrato. u
Veggio che non me giova — pianger né suspirare,
né legger né orare — ch’ io possa arvenire;
la lengua noi sa dire — quant’è’l mio cor penato.
La lengua non sa dire — che ’l cor non pò pensare:
ben va fin al dolore, — ma non ce può entrare,
17ch’è maior de lo mare — el dolor ch’i’ho portato.
Vorria trovar alcuno — che lo s’endivinasse,
non se porria soffrire — che non se ne plorasse;
o Dio, ove me lasse — fra i nemici sciarmato?
Giragio corno Uria, — sciarmato a la battaglia:
saccio che io ce morrò — en questa dura sembiaglia;
23nuli’è che gliene caglia, — morrò detuperato.
E que s’è fatta l’arme — con que me defendea?
tutti li miei nemici — con esse sconfigea;
so preso en mala via, — corno Sanson legato.
Ben veggio beneficia, — perché te deggio amare,
e volle revoltando — per poterle aretro vare:
29non me ce giova’l cercare — poi ch’èi da me celato.