Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/151


Ebrio par deventato — o matto senza senno,
lassanno si gran renno — e si alte richeze.
Ma com’è ciò scontrato — de tal matteza segno?
avereste tu pegno — altre trovar alteze?
Vegio che son forteze — d’amor senza mesura,
32che muta tanta altura — en si basso valore.
Amor, de cortesia, — de cui se’ ’namorato,
che t’ha si vulnerato — che pazo te fa gire?
Vegio che t’ha en balia: — si forte t’ ha legato
che tutto te se’ dato, — giá non pòi contradire;
ben so che a morire — questo amore si te mena,
38da poi che non allena, — né cessa suo calore.
Giá non fu mai veduto — amor si smesurato,
ch’ailora quando è nato — agia tanta potenza,
poi che s’è venduto — emprima che sia nato;
l’amor t’ha comparato: — de te non fai retenza,
e non reman sentenza — se non che te occida
44l’amor e si conquida — en croce con dolore.
Ha fatto tal baratto — en la prima ferita,
onne cosa rapita — con si gran forteza;
ad sé ha tanto tratto — senno, virtú e vita,
piú ch’onne calamita — ferro; si grande alteza
ad cusi vii bassezza: — en stalla farte stare,
50per amor non schifare — defetto né fetore.
E che tu non conoscili — o non hai sentimento,
ad tale abassamento, — Iesú, tu se’ venuto:
en te par che s’offoschi — luce de splendimento,
potere e vedimento — pare che sia perduto;
hatte l’amor feruto — e tu non te defendi,
56a sua forza t’arendi — donando tuo vigore.
Ben so che, garzoncello, — hai perfetto sapere,
e tutto quel potere — c’ ha la perfetta etade:
donqua, co picciolello — poteve contenere
tutto lo tuo volere — en tanta vilitade?
Grand’era caritade, — tutto si te legava,
62ed en sé occultava — senno, forza e valore.