Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/148


Loco se canta, — chi ben se n’amanta
de fede formata,
Divinitate — en sua maiestate
ce vede encarnata;
onde esce speranza — che dá baldanza
32 al cor ch’è levato.
Canto d’amore — ce trova a ttut’ore
chi ce sa entrare;
con Dio se conforma — e prende la norma
del bel desiare:
co serafino, — deventa divino
3^ d’amor enfiammato.
El primo notturno — è dato a lo sturno
de martirizati:
Stefano è ’l primo, — che canta sublimo
con soi acompagnati,
ch’on posta la vita, — en Cristo l’ò insita
44 ch’è fior de granato.
El secondo sequente — è dato a la gente
de li confessori;
lo Vangelista — la lengua ci ha mista
ch’adorna li cori:
ché nullo con canto — volò tanto ad alto
50 si ben consonato.
El terzo sequente — a li innocenti
par che si dia:
ché col Garzone — ad ogne stagione
so en sua compagnia.
«Te Dio laudamo, — con voce cantamo,
56 che Cristo oggi è nato!»
O peccatori, — ch’a li mal signori
avete servito,
venite a cantare — che Dio pò om trovare,
ch’en terra è apparito
en forma de garzone, — e tiello en prigione
62 chi l’ha desiato.