Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/140


De SAN FRANCESCO E DE SETTE APPARIZIONE DE CROCE
A LUI E DE LUI FATTE
O Francesco povero, — patriarca novello,
porti novo vexello — de la croce signato,
De croce trovam sette — figure demostrate,
corno trovamo scrette — per ordene contate;
aggiole abbreviate — per poterle contare:
6 encresce l’ascoltare — de longo trattato,
La prima, nel principio — de tua conversione,
palazo en artificio — vedesti en visione:
piena la magione — de scude cruciate,
io Tarme demostrate — del popol che t’è dato.
Stando en orazione — de Cristo meditanno,
tale enfocazione — te fo enfusa entanno;
sempre puoi lacremanno — quando te remembrava,
14 Cristo te ricordava — nella croce levato.
Cristo te disse allora: — Se vuol po’ me venire,
la croce alta, decora — prende con gran desire;
e te anichilire, — se vuol me seguitare,
18 te medesimo odiare, — el prossimo adamato. —
La terza fiata stanno — a guardar a la croce,
Cristo te disse entanno — con gran suono de voce;
per nome clamò el doce — Francesco tre fiata:
22 — La chiesa è sviata, — repara lo suo stato. —
Poi, la quarta fiata, — vidde frate Silvestro
una croce enaurata — fulgente nel tuo petto;
el draco maledetto, — ch’Asise circondava,
26 la voce tua el fugava — de tutto lo ducato.
Vidde frate Pacifico — la croce de duoi spade
en te, Francesco angelico, — degno de gran laude;
le spade son scontrade: — l’una da capo a piede,
30 l’altra en croce se vede — per le braccia spiecato.