Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/138


LX

De la santa povertá e suo triplice cielo

O amor de povertate, — regno de tranquillitate!
Povertate, via secura, — non ha lite né rancura;
de latron non ha paura — né de nulla tempestate.
Povertate muore en pace, — nullo testamento face:
5 lassa el mondo come iace — e le gente concordate.
Non ha iudece né notaro, — a corte non porta salaro;
ridese de l’uomo avaro — che sta en tanta ansietate.
Povertá, alto sapere, — a nulla cosa soiacere,
9 en desprezo possedere — tutte le cose create.
Chi despreza, si possedè; — possedendo non se lede:
nulla cosa i piglia ’l pede — che non faccia sue giornate.
Chi desia è posseduto: — a quel ch’ama s’è venduto;
13s’egli pensa que n’ha Ivuto, — han’ avute rei derrate.
Tropo so de vii coragio — ad entrar en vasallagio, ’
simiglianza de Dio ch’agio — deturparla en vanitate.
Dio non alberga en core stretto: — tant’è grande quant’hai
[affetto;
17povertate ha si gran petto, — che ci alberga deitate.
Povertate è ciel celato — a chi en terra è ottenebrato;
chi nel terzo ciel su è ’ntrato, — ode arcana profunditate.
El primo ciel è ’l fermamento, — d’onne onore spogliamento:
21grande porge empedimento — ad envenir securitate.
A far l’onor en te morire, — le ricchezze fa sbandire,
la scienzia tacere — e fugir fama de santi tate.
La richeza el tempo tolle, — la scienzia en vento estolle,
25la fama alberga ed acolle — l’ipocresia d’onne contrate.
Parerne cielo stellato — chi da questi tre è spogliato;
ècce un altro ciel velato: — acque chiare solidate.
Quattro venti move ’l mare, — che la mente fon turbare:
29lo temere e lo sperare, — el dolere e ’l gaudiare.