Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/135


Pensi per astuzia — el mondo dominare:
que ordene un anno, — l’altro el vedi guastare;
el mondo non è cavallo — che se lasse enfrenare,
34che’l possi cavalcare — secondo el tuo volere.
Quando la prima messa — da te fo celebrata,
venne una tenebria — en tuttá la contrata:
en santo non remase — lumiera arapicciata;
38tal tempesta è levata — lá ’ve tu stave a dire.
Quando fo celebrata — la coronazione,
non fo celato al mondo — quello che ce scontròne:
quaranta omini fór morti — a l’uscir de la mascione;
42miracolo Dio mostròne — quanto gli eri en piacere,
Reputavete essere — lo piú sufficiente
de sedere en papato — sopra onn’om vivente;
chiamavi santo Pietro — che fosse respondente
46se esso sapea niente — respetto el tuo sapere.
Poneste la tua sedia — da parte d’aquilone,
de contra Dio altissimo — fo la tua entenzione:
subito hai ruina, — sei preso en tua magione,
50e nullo se trovòne — a poterte guarire.
Lucifero novello — a sedere en papato,
lengua de blasfemia — che ’l mondo hai venenato,
che non se trova spezie, — bruttura de peccato,
54lá ’ve tu se’ enfamato — vergogna è a proferire.
Poneste la tua lengua — contra la relione
a dicer la blasfemia — senza nulla cagione;
e Dio si t’ha somerso — en tanta confusione,
58che onom ne fa canzone — tuo nome a maledire.
O lengua macellaia — a dicer villania,
remproperar vergogne — con gran blasfemia,
né emperator né rege, — chi voi altri se sia,
62da te non se partia — senza crudel ferire.
O pessima avarizia, — sete enduplicata,
bever tanta pecunia, — non esser saziata;
non ce pensavi, misero, — a cui l’hai congregata:
66ché tal la t’ ha robbata — che non te era en pensiere.