Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/132


LVII

Epistola seconda al prefato papa

Lo pastor per mio peccato — posto m’ha fuor de l’ovile:
non me giova alto belato — che m’armetta per l’ostile.
O pastor, co non te sveghi — a questo alto mio belato,
che me tragi de sentenza — de lo tuo scomunicato?
de star sempre empregionato — se está pena non ce basta,
6 puoi ferire con altra asta, — corno piace al tuo sedile.
Longo tempo agio chiamato, — ancora r.on fui audito;
scrissete nel mio dittato, — de quel non fui esaudito;
ch’ io non stia sempre amannito — a toccar che me sia operto:
io non arman per mio defetto — ch’io non arentri al mio covile.
Come’l cieco che clamava — da passanti era sprobrato,
maior voce esso iettava: — Miserere, Dio, al cecato. —
— Que adimandi che sia dato? — Meser, ch’io revegia luce,
14ch’io possa cantar a voce — quello osanna puerile. —
Servo de centurione, — paralitico en tortura,
non so degno ch’en mia casa — si descenda tua figura;
bastarne pur la scrittura, — che sia ditto: — Absolveto. —
15 Ché ’l tuo ditto m’è decreto — che me tra’fuor del porcile.
Troppo iaccio a la piscina — al portico de Salamone;
grandi moti si fa l’acqua — en tanta perdonazione;
è passata la stagione: — prestolo che me sia detto,
22ch’io me lievi e toll’al letto — ed artorni al mio casile.
Co malsano, putulente, — deiattato so dai sane,
né an santo né a mensa — con om san non mangio pane;
peto che tua voce cane — e si me dichi en voglia santa:
26 — Sia mondata la tua tanta — enfermetate malsanile! —
So vessato dal demonio, — muto, sordo deventato:
la mia enfermetate pete — ch’en un ponto sia curato,
che ’l demonio sia fugato — e l’audito me se renna
30e sia sciolta la mia lengua, — che legata fo con: — Sile! —