Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/130


ch’anni diece enteri truovo — ch’i’ ’l portai gir bizocone.
Loco feci el fondamento — a vergogne e schirnimento:
le vergogne so co vento — de vessica de garzone.
Questa schiera è sbarattata, — la vergogna è conculcata,:
Iacovon la sua masnata — curre al campo al gonfalone.
Questa schiera mess’ è ’n fuga, — venga l’altra che succurga;
se nul’altra non ne surga, — anco attende al padiglione.
Fama mia, t’aracomando — al somier che va raghiando,
può’ la coda sia ’l tuo stando — e quel te sia per guidardone.
Carta mia ff i va’, metti banda: • — Iacovon pregion te manda
en corte i Roma, ché se spanda — en tribú, lengua e nazione. W
\ r
(x) Questa stanzia sequente era piú in certi libri:
E di’ co iaccio sotterrato, — en perpetuo carcerato;
en corte Roma ho guadagnato — si bon beneficione.
[Nota del Bonaccorsi.]