Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/129


Paternostri otto a denaro — a pagar Dio tavernaro:
ch’ io non agio altro tesaro — a pagar lo mio scottone.
Se ne fosser proveduti — gli frati che son venuti,
en corte prò argir cornuti, — che n’avesser tal boccone! -33
Se n’avesser cotal morso, — non farien cotal discorso:
en gualdana corre el corso — per aver prelazione.
Povertate poco amata, — pochi t’ hanno desponsata,
se se porge vescovata — che ne faccia arnunzascione. <37
Alcun è che perde el monno, — altri el lassa corno a sonno,
altri el caccia en profonno: — diversa han condizione.
Chi lo perde è perduto, — chi lo lassa è pentuto,
41chi lo caccia al proferuto — èglie abominazione.
L’uno stando gli contenne, — l’altri dui arprende arprende:
se la vergogna se spenne, — vederai chi sta al passone.
L’ordene si ha un pertuso — ch’a l’uscir non è confuso:
se quel guado fusse archiuso, — starian fissi al magnadone. 45-
Tanto so gito parlando, — corte i Roma gir leccando,
c’ho ragionto alfin lo bando — de la mia presunzione.
Iaci, iaci en está stia — come porco de grassia!
49lo natal non troveria — chi déme lieve paccone.
Maledicerá la spesa — lo convento che l’ha presa:
nulla utilitá n’è scesa — de la mia reclusione.
Faite, faite que volite, — frati che de sotto gite:
53ca le spese ce perdite, — prezo nullo de prescione.
Ch’aio grande capitale, — ché me so uso de male,
e la pena non prevale — contra lo mio campione.
Lo mio campion è armato — del mio odio scudato:
57non pò esser vulnerato — mentre ha collo lo scudone.
O mirabel odio mio, — d’omne pena hai signorio,
nullo recepí engiurio, — vergogna t’è esaltazione.
Nullo te trovi nemico, — onnechivegli Pai per amico:
io solo me so l’inico — contra mia salvazione.
Questa pena che m’è data, — trent’ann’è che l’agio amata:
or è gionta la giornata — d’esta consolazione.
Questo non m’è orden novo, — ché ’l capuccio longo ar-
[provo,