Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/128


LV

Cantico de frate Iacopone de da sua pregionia

Que farai, fra Iacovone? — se’venuto al paragone.
Fusti al monte Pelestrina — anno e mezo en disciplina;
pigliasti loco malina, — onde hai mo la pregione.
Prebendato en corte i Roma, — tale n’ ho redutta soma:
^ omne fama mia s’afoma, — tal n’aggio maledezone.
So arvenuto prebendato, — ché’l capuccio m’è mozato:
perpetuo encarcerato, — encatenato co lione.
La pregione che m’è data, — una casa soterrata;
9 arescece una privata, — non fa fragar de moscone.
Nullo omo me pò parlare: — chi me serve lo pò fare:
ma èglie oporto confessare — de la mia parlazione.
Porto getti de sparvire, — sonagliando nel mio gire:
L3. nova danza ce pò udire — chi sta presso a mia stazone.
Da poi ch’i’ me so colcato, — revoltome ne l’altro lato:
nei ferri so zampagliato, — engavinato en catenone.
Agio un canestrello apeso — che dai sorci non sia offeso:
17cinque pani, al mio parviso, — pò tener lo mio cestone.
Lo cestone sta fornito — sette de lo di transito;
cepolla per appetito, — nobel tasca de paltone.
Po’ che la nona è cantata, — la mia mensa apparecchiata,
. zi omne crosta è radunata — per empir mio stomacone.
Rècamese la cocina, — messa en una mia catina;
puoi ch’abassa la ruina, — bevo e ’nfondo el mio polmone.
Tanto pane enante afetto, — che n’ è staterá un porchetto;
25ecco vita d’uomo stretto, — nuovo santo Ilarione.
La cocina manecata, — ecco pesce en peverata;
una mela me c’è data — e par taglier de storione.
Mentre mangio ad ura ad ura — sostegno grande freddura:
.29 lèvome a l’ambiadura — stampiando el mio bancone.