Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/124


Mandai li mei dottori — con la mia sapienza:
disputaron, el vero — mostraro senza fallenza,
sconfissero e cacciaro — omne falsa credenza,
30 demonstrár mia prudenza — de vivere ordenato.
Vedete el mio cordoglio — a que so mo redutto!
lo falso clericato — si m’ha morto e destrutto,
d’ogne mio lavoreccio — me fon perder lo frutto:
34 maior dolor che morte — da lor aggio portato. —