Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/118


XLIX

De la conscienzia pacificata

— O conscienzia mia — grande me dai mo reposo:
giá non è stato tuo oso — per tutto lo tempo passato.
Tutto lo tempo passato, — da poi ch’io me recordo,
sempre m’hai tribulato — e vissa meco en descordo;
e non èi passata co sordo, — sempre de me mormorando,
6 ed onne mio fatto biasmando — giá non sia tanto occultato. —
— Da puoi ch’io fui creata, — Dio ordinò mia natura,
ed agiola si conservata, — che non l’ho fallata a nul’ura:
iudicio de dirittura — me fo ordenato nel core,
xo scritto ne porto el tenore — de tutto el tuo operato. —
— Qual è rason che mo tace, — e nulla me dái molesta?
hame donato una pace, — sempre con teco agio festa:
vita meno celesta, — poi ch’io non t’agio a ribello,
14ca Io splacer tuo è coltello — ch’entro al merollo ha passato. —
— Ragion è ch’io deia posare, — poi che ’l iudicio hai fatto:
iustizia si t’è en amare — e messo i e’ t’en man en trasatto;
e nullo volesti far patto: — ciò che ne fae si te piace,
18e loco si fonda la pace — che il mio furor ha placato. —