Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/112


O vita mia maledetta, — villana, engrata, soperba:
sprezando la vita celeste — a Dio stata so sempre acerba,
rompendo la lege e statuti, — le sue santissime verba;
34ed esso de me fatt’ha serba, — ché non in’ha a lo’nferno
[dannata.
Anima mia, que farai — de lo tuo tempo passato?
non è dannagio da gioco — ch’elio non sia corrottato;
pianti, sospiri e dolori — sirágione sempre cibato:
38lo mio gran peccato — ch’a Dio sempre so stata engrata.
Signor, non te veio, ma veio — che m’ hai en altro 0111 mutato:
l’amor de la terra m’hai tolto, — en cielo si m’ hai collocato;
te dagetor non vegio, — ma vegio e tocco ’l tuo dato,
42ché m’hai lo corpo enfrenato — ch’en tante bruttar 11l’ha sozata.
O castitate, que è questo — che t’agio ino en tanta piacenza?
ed onde speregia está luce — che data m’ha tal conoscenza?
vien de lo patre de lumi — che spira la sua benvoglienza,
46e questo non è fallenza — la grazia sua c’ ha spirata.
O povertate, que è questo — che t’agio mo en tanto piacire,
ca tutto lo tempo passato — orribel me fosti ad udire?
piú m’affligea che la freve — quando venea’l tuo pensire:
50ed 01* t’agio en tanto desire, — che tutta de te so enamata.
Venite a veder mera veglia — che posso mo el prossimo amare,
e nulla me dá mo graveza — poterlo en mio danno portare;
e de la iniuria fatta — lebbe si ni’è el perdonare:
54e questo non m’è bastare — se non so en suo amor enfocata.
Venite a veder meraveglia — che posso mo portar le vergogne,
che tutto’l tempo passato — sempre da me fuor da logne:
or me dá un’alegreza, — quando vergogna me iogne,
58però che con Dio me coniogne — nella sua dolce abracciata.
O fede lucente, preclara, — per te so tenuto a sti frutti:
benedetta sia l’ora e la dine — ch’io credetti a li toi matti;
parme che questa sia l’arra — de trarrne a ciel per condutti:
62l’affetti mei su m’hai redutti — ch’io ami la tua redetata.